Immagine in evidenza articolo Nuova Porsche 911, una bellezza senza età

Nuova Porsche 911, una bellezza senza età

Lo stile di sempre ma aumentano potenza e tecnologia

La Porsche 911 da più di 50 anni rappresenta la quint’essenza dell'auto sportiva, da quella “per tutti” della Carrera normale, a quella capace di portarsi a casa il record sul giro sul Nurburgring come la GT2 RS. Giunta all'ottava generazione, la 911 ha sempre mantenuto uno stile inconfondibile, evolvendo senza mai stravolgersi con quel motore a sbalzo che ha subito 2 principali passaggi rivoluzionari (e molto discussi): l’abbandono del raffreddamento ad aria prima e la sovralimentazione poi. Oggi, al Salone di Los Angeles 2018, la Porsche 911 si presenta con la nuova generazione, sulla scia di quelle che l’hanno preceduta ma con tante piccole grandi crivoluzioni. 

La prima rivoluzione consiste nell’aumento di potenza che porta il 6 cilindri boxer della nuova Porsche Carrera S a quota 450 CV, vale a dire 30 CV in più rispetto all’attuale generazione, grazie a una nuova iniezione ed efficienza di turbo - la 911 è turbo - e impianto di raffreddamento.

Dati ufficiali alla mano, lo 0 a 100 si conclude in 3,7 secondi per la Carrera S e 3,6” per la 4S, ben 0,4” secondi in meno ai modelli pronti per la pensione. Se poi si sceglie il Chrono Package si limano ancora 0,2”.

Inoltre, sulla scheda tecnica la 911 S a trazione posteriore tocca i 308 km/h mentre la versione a trazione integrale a 306, con consumi medi (calcolati secondo il ciclo NEDC) rispettivamente di 8,9 e 9 litri ogni 100 km.

A guidare la nuova 911 c’è un nuovo cambio automatico a 8 rapporti, lo stesso PDK della Panamera. 

Fedele a se stessa mostra un leggero restyling con frontale più largo di 45 mm, con prese d’aria più generose e i passaruota più muscolosi. Nuove le luci anteriori a LED e il disegno del cofano. Tutto nasce per dare una migliore aerodinamica, così anche le maniglie delle portiere cambiano quando l’auto è in movimento, rientrano a filo con la carrozzeria.

Il posteriore è forse quello che cambia di più, allineandosi allo stile della Casa con la sottile linea luminosa a LED che unisce le altrettanto sottili luci ai lati. In mezzo il grosso spoiler a scomparsa che, nei listelli del radiatore, integra altre 2 corte barre luminose.

L’abitacolo della nuova 911. torna ad essere essenziale: i designer hanno dato un netto colpo di spugna con le ultime versioni, mantenendo solo lo stretto indispensabile, lasciando al grosso monitor da 10,9” il compito di mostrare ogni volta il comando giusto. Volume, climatizzatore, nuova leva del cambio e poco altro, donando così alla sportiva tedesca una pulizia estrema.

Una novità, in linea con le sorelle maggiori,  la strumentazione quasi completamente digitale, perché al centro del monitor sopravvive il contagiri analogico. 

Carico di tecnologia che di serie offre navigatore satellitare online e Porsche Connected Plus e come optional può contare anche su un sistema di telecamere a infrarossi, per vedere anche al buio grazie alle immagini proiettate direttamente sul monitor.

Non potevano mancare le nuove tecnologie volte alla sicurezza, prima di tutto debutta il Wet Mode, ovvero la modalità di guida che permette alla 911 di capire in autonomia se la strada davanti a lei è bagnata e si adatta alle condizioni del terreno, avvertendo il guidatore. Ci sono poi la frenata d’emergenza, il cruise control adattivo con funzione stop&go e il mantenimento di corsia. Tutti sistemi offerti di serie.

Il pacchetto di tecnologie comprende anche 3 differenti app: Road Trip, 360+ e Impact. La prima mostra itinerari particolari da percorrere con la propria 911, mostrando punti di interesse e hotel selezionati dove soggiornare, mentre la seconda offre un “personal lifestyle assistant” per la vita di tutti i giorni.

La più particolare però è la terza: la app Porsche Impact infatti calcola l’impatto ambientale della nostra 911 in termini di emissioni di CO2 e propone differenti associazioni ambientaliste cui fare donazioni, così da compensare il nostro livello di inquinamento.

Il debutto al Salone di Los Angeles segna per la nuova Porsche 911 anche il “via” alle prenotazioni, ma solo ed esclusivamente per le versioni Carrera S e 4S, con listino che in Italia parte da 123.999 euro per la trazione posteriore e 132.051 per l’integrale. Più avanti arriveranno le altre versioni della 911, con diversi step di potenza e (con ogni probabilità) anche l’inedita versione ibrida plug-in. 

Pubblicato il 01-12-2018 da Chiara Malaguti

Tags: Promagazine Porsche 911

Categorie: Brand Porsche News Tipo sportive Veicolo auto

Immagine in evidenza articolo Tutto pronto per il SUZUKI BOLZANO PASSION GALA

Tutto pronto per il SUZUKI BOLZANO PASSION GALA

Suzuki , che dal 2013 è Main Partner della  FISG – Federazione Italiana Sport del Ghiaccio , ha stabilito negli ultimi anni profondi legami con il mondo degli sport del ghiaccio e in particolare con quello del pattinaggio artistico, sarà Title Sponsor della prima...
Immagine in evidenza articolo La gamma Fiat illuminata dai colori di “Luci d’Artista”

La gamma Fiat illuminata dai colori di “Luci d’Artista”

La gamma Fiat sfila tra le Luci d'Artista, la mostra d'arte contemporanea a cielo aperto che ogni anno, da ottobre a gennaio, illumina le piazze e le strade di Torino , creando un'atmosfera tipicamente natalizia. Le vetture della gamma sono state infatti immortalate nello...
Immagine in evidenza articolo SMAU incontra l’innovazione Opel

SMAU incontra l’innovazione Opel

Era la metà degli anni '60 e il significato della parola 'digitale' non era ancora sviluppato nella sua completezza, eppure da Milano la fiera SMAU iniziava a muovere i suoi primi passi, con la consapevolezza di essere nella giusta direzione per un futuro all'insegna...
Copyright 2016 - PROmagazine | condizioni di utilizzo | privay | cookie